Auguri di buona fine e buon inizio!

Condividi:

Pubblichiamo due auguri, uno di fine anno scritto da F. e uno di buon inizio anno scritto da A.

A tutti voi il mio augurio con un pensiero di giornata.

A tutti gli amici e le amiche, compagni e compagne di viaggio, soci e socie, volontari e volontarie, fratelli e sorelle migranti .
È stato un anno difficile, ricco di cambiamenti e faticoso, nel quale abbiamo dovuto fare molti sacrifici da tanti punti di vista.
Abbiamo subito perdite importanti come quella di Gino Strada, abbiamo assistito alla brutale condanna di un uomo di pace e accoglienza come Mimmo Lucano, abbiamo visto la parte più brutta della nostra Europa chiudere le frontiere lasciando molti fratelli e sorelle morire di freddo ai confini tra Polonia e Bielorussia.
Continuiamo a rinnovare accordi con la Libia dove i migranti vengono incarcerati e torturati . Lasciamo che le polizie di Croazia Bosnia, Serbia e Ungheria massacrino chiunque cerchi di raggiungerci.
Continuiamo a vendere armi a Paesi che reprimono i popoli e fanno la guerra. Da un lato aiutiamo gli Stati che costringono le persone a migrare e dall’altro chiudiamo le porte a chi scappa da quegli stati. Continuiamo a condurre le nostre vite comode a discapito dei Paesi più poveri e deboli.
Noi di Restiamo Umani abbiamo deciso di schierarci contro queste dinamiche, lottando nella pratica quotidiana e investendo il nostro tempo e la nostra vita per migliorare questo mondo, a volte a discapito della nostra vita privata e rinunciando a qualcosa per fare star bene qualcun altro.
Ci piace poco parlare e fare show tre volte l’anno dicendoci da soli quanto siamo bravi. Noi siamo un esercito sempre in lotta. Contro i meccanismi arrugginiti della burocrazia e dei burocrati che si sentono padroni. Contro il razzismo e fascismo latente che troppo spesso fa marcire le istituzioni. Contro gli oppressori, gli arroganti, gli sfruttatori, i millantatori.
Mentre scrivo centinaia di persone sono in mare, in fuga dalla miseria e migliaia di altre sono già morte con la speranza di raggiungerci.
Mentre ognuno di noi sta per mettersi a tavola con la propria famiglia migliaia di altre persone non potranno più farlo.
Di chi è la colpa di tutto ciò? Di chi ci governa? No. La colpa è la nostra perché se ognuno di noi desse lo stesso valore alla vita degli altri li rovescerebbe i governi che permettono tutto ciò. Quindi basta lamentarci che niente funziona, basta lamentarci delle tasse, basta aspettare quello che qualcuno deciderà per noi per poi lamentarci ancora.
Uniamoci e lottiamo insieme. YaBasta! Costruiamo insieme la Nova Koinè 🤗

F.

📣piccola lettera nel giorno 1 dell’anno 2022 per i sognatori di YaBasta! – Nova Koinè 📣

Care e cari,
eccomi qui come ogni primo giorno dell’anno a scrivervi per provare a mettere in fila tutte le sfide e le lotte intraprese quest’anno e connetterle con tutte quelle che ancora dobbiamo intraprendere. Solo che quest’anno davvero è troppo difficile.
Troppe cose sono cambiate in pochi mesi, la nostra comunità si è trasformata più in quest’anno che in tutti i 13 anni precedenti. Abbiamo iniziato delle avventure incredibili che non sappiamo dove ci porteranno. Da quest’anno siamo diventati una realtà capace di accogliere e di prendere in carico totalmente 44 persone tra migranti e rifugiati e 6 donne nella casa rifugio. Tutto ciò ha significato predisporre strumenti, capacità di gestione, mezzi di sostentamento che mai avevamo utilizzato. Tutto ciò ha rivoluzionato la nostra quotidianità. Ora non siamo più una realtà che guarda al modello Riace per analisi e propaganda, ora siamo una realtà che mira a ripeterlo, a declinarlo sul nostro territorio. Questi cambiamenti sono purtroppo avvenuti in un periodo drammatico come pochi. La pandemia ha mostrato il volto peggiore della nostra società e noi ci siamo ritrovati a lottare per difendere il diritto alla salute ed al sostentamento di centinaia di persone marginalizzate da questa sistema sempre più individualista e disumano. Il Covid ha portato a tante e tanti a ripiegarsi su se stessi. Noi invece abbiamo difeso l’idea di una felicità e di una salute che esiste solo se è di tutti e per tutti.
Il 2021 è un anno che dovremo analizzare a fondo come corpo collettivo ma non è per questo che vi scrivo oggi. Questa lettera è un augurio per il nuovo anno che è arrivato e che io vi auguro di passare esattamente come abbiamo passato gli ultimi 13: a costruire la nuova umanità e la nuova società.
Non posso augurarvi niente di meglio di quello che già ogni giorno proviamo a fare e badate sottolineo “proviamo” perché nessuno di noi ha in tasca alcuna ricetta magica. Ci muoviamo per tentativi, collezionando errori, fallimenti, insuccessi e forse è proprio qui è che nasce la nuova umanità, nelle battaglie giuste che spesso si perdono, nei percorsi belli e fragili, nell’umanità inclusiva e minoritaria. Non vi auguro niente di più che continuare a costruire con il vostro sforzo quotidiano una società diversa, di continuare a dedicare tempo, sforzi, sogni, preoccupazioni, sorrisi e lacrime al cammino verso l’altro mondo possibile. Vi auguro di continuare ad essere rivoluzionari in lotta che mettono al centro della loro vita l’interesse collettivo, la solidarietà come pratica di azione, che sottraggono tempo alle proprie vite per renderle più dense e intense nell’accezione più nobile. Vi auguro di continuare a sbrogliare la matassa, a spezzare il pane e manifestare ogni giorno, nei nostri spazi di contropotere, la vostra umanità.
Non so cosa ci riserverà questo 2022 ma so che lo passeremo insieme, con tutte le nostre debolezze, le nostre particolarità, le nostre stramberie e so che saremo esattamente nello stesso posto in cui siamo stati fino ad oggi e questo è l’augurio migliore che potessi farvi.

Un abbraccio e
come diceva uno che di umanità se ne intendeva davvero: NON CI SONO PROBLEMI, SOLO SOLUZIONI!

A.

Total Page Visits: 405 - Today Page Visits: 3