YaBasta! e Nova koine DIFFIDANO il Comune di Marigliano, vi spieghiamo il perchè!

Condividi:

COMUNICATO STAMPA

Abbiamo diffidato il Comune di Marigliano, vogliamo spiegarvi il perché.

 

Oggi, 20/01/2022 la nostra associazione attraverso lo studio legale Esposito di Napoli, specializzato in diritto dell’immigrazione, ha diffidato legalmente il Comune di Marigliano sulla gestione della piattaforma GEPI per la convalida dei requisiti di reddito di cittadinanza.

Abbiamo ricevuto tante segnalazioni da cittadini migranti che si sono visti revocare il contributo del reddito di cittadinanza in modo illegittimo dall’ufficio Gepi del Comune e abbiamo più volte segnalato al comune la prassi illegittima e discriminatoria messa in atto dall’ufficio e dal dirigente ( stiamo portando avanti questa vertenza in molti comuni e qui spieghiamo nello specifico cosa sta accadendo: Revoche del reddito di cittadinanza: si consideri la residenza “di fatto” non quella anagrafica – Progetto Melting Pot Europa ).

Abbiamo anche avuto un incontro, lo scorso 22 Dicembre con il Sindaco, l’Assessore ed i consiglieri Stellato e D’agostino oltre che con il dirigente dott. Albano. Al termine di quell’incontro, per noi estremamente positivo, avevamo così commentato il risultato ottenuto: https://fb.watch/aFdhqSyNka/ . Purtroppo dopo quasi un mese nessuno dei punti concordati con l’amministrazione e con il dirigente è stato attuato, anzi l’ufficio ci ha risposto con due note illegittime e prive di alcuno riscontro giuridico.

Diffidare l’amministrazione del comune in cui da oltre 10 anni svolgiamo in modo autonomo e gratuito i nostri corsi di italiano L2 assieme al convento delle Suore Vincenziane, non è una scelta di cui siamo contenti, ci lascia molto delusi e amareggiati,  ma una scelta a cui siamo stati costretti. Chi ci conosce sa che una volta intrapresa una lotta nella difesa dei giusti diritti non siamo soliti arrenderci. Sappiamo bene che siamo di fronte ad una prassi illegittima degli uffici e speriamo però in uno scatto di orgoglio e di giustizia da parte di un’amministrazione che pochi giorni fa inaugurava una panchina dedicata a Giulio Regeni e che il mese scorso accoglieva il presidente nazionale di Emergency. Pensiamo che abbia poco senso parlare dei diritti a chilometri di distanza quando vengono sistematicamente violati i diritti dei nostri concittadini di origine migranti.

I diritti degli uomini devono essere di tutti gli uomini, proprio di tutti, sennò chiamateli privilegi” – Gino Strada

Perché Giulio fa cose, ma non può fare tutto lui” – C.Regeni

Le associazioni YaBasta! e Nova Koine

www.yabasta.net

Total Page Visits: 599 - Today Page Visits: 1